Andrea Petrai: Biografia

Site auf Deutsch Site in English

Andrea Petrai in Würzburg, marzo 2015

Andrea Petrai è docente di lingua e civiltà tedesca all'Istituto Statale d'Istruzione Secondaria di Follonica (GR). Ha insegnato precedentemente presso il Liceo Scientifico V. Sereni di Luino (VA), l'Istituto Statale d'Istruzione Secondaria Zenale e Butinone e il Liceo Linguistico S. Weil di Treviglio (BG). Dopo la maturità classica conseguita al Liceo Ginnasio G. Carducci di Piombino (LI), ha continuato i suoi studi alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Pisa dove si è laureato in Lingue e letterature straniere moderne – indirizzo europeo nel 1990 con la tesi „Journal meiner Reise im Jahre 1769 di J. G. Herder. Diario di un viaggio interiore”, redatta durante l'ultimo anno accademico 1987/88 frequentato con borsa di studio alla Humboldt Universität di Berlino.

Da allora numerosi e prolungati sono i suoi soggiorni in Germania, Austria, Svizzera, Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia.

È nel 1997 il suo incontro con Gaetano Fiore con il quale, da subito, condivide riflessioni estetiche su pittura e letteratura. Gradualmente si avvicina all'universo dell'artista, lo osserva nel dipingere, s'immerge nel mistero del suo rigore disciplinato eppur libero per apprezzarne, nel tempo, sempre più la matrice di „antica modernità”, in uno sviluppo continuo che attecchisce nella laboriosa, sapiente e ponderata stesura del colore. Per le opere di Fiore scrive una moltitudine di ispirate didascalie e liriche impressioni dettate dall'allenata contemplazione di chi sa indugiare su una soglia a meditare.

Presenta quindi le mostre „Pittura in ascolto e attesa del colore” a San Vincenzo (2010) e „La luce del suono” a Lecco (2012) che correda di commenti critici ed introduzioni a una metafisica insita nelle cose.

Per l'Albatros Editrice di Roma ha pubblicato la raccolta di poesie Atmos nel 1984. Per la mostra di Fiore a Bormes-les-Mimosas ha tradotto dal tedesco in italiano il testo di Jürgen Lenssen nel catalogo „L'albero e il quadrato”, Salea, Milano 2008. Suoi sono i testi della serigrafia „Alberi amanti” edita da Essedi di Genova 2010 e la prefazione della pubblicazione „Alberi crescono in acqua” di PressUP di Nepi (VT) 2014. Come attore, nell'ambito del progetto Teatro e Territorio con la compagnia di Stefano Filippi, ha dato voce ai luoghi nella provincia di Livorno. Dal 2012, sotto la guida di Fabio Carraresi, con Teatro da camera prima e Logos teatro di parola poi, tiene readings di autori contemporanei e non. Questo con lo spirito di favorire la sincera disponibilità all'ascolto della platea in un invisibile cerchio d'intesa col palco ove la parola proferita venga udita e recepita nella sua pienezza, lasciando anche intuire il gesto che essa sottintende.


© 2007-2019 Gaetano Fiore. Tutti i diritti riservati.