Gaetano Fiore “Alberi Amanti” 2011

Site auf Deutsch Site in English

Alberi
Serigrafia

Gli alberi ci assomigliano.

O non siamo piuttosto noi umani a riflettere nell’intimo quegli esseri straordinari?

Ci unisce la medesima necessità di fondamento, avvinti con tenacia a una radice che s’incunea nel buio per dare identità all’origine, alla memoria, all’appartenenza.

Lo stesso anelito spirituale innalza solenne noi e loro in un’immemore nostalgia d’infinito, nella tensione continua tra l’io e l’universo, il presente e il sempre.

Il pittore-poeta sorprende qui l’intesa amorosa di due alberi e, con il garbo di chi sa custodire gli incanti della natura, isola una finestra che incornicia nel blu quel momento d’indicibile tenerezza.

Due monolitici passeggeri s’incontrano, si corrispondono e cominciano a dialogare in un arcano linguaggio simbolico.

Una risonanza ed intesa nuove sciolgono la parola in gesto esemplare.

Nelle opere di Gaetano Fiore ben s’intende come la porzione del colore in pittura evidenzi sorprendenti affinità col frammento in poesia. In entrambi i casi l’incompiutezza dell’atto creativo lascia intuire varchi conoscitivi inattesi che, per contro, una finita visione d’insieme precluderebbe in modo inesorabile. La soglia invita ad incedere, il velo si sfibra in una rete. L’artista si sente chiamato ad intraprendere un percorso incerto che esige un piglio avventuroso, ai limiti del rischio, come se il colore implodesse, pur sempre con rigore strutturale, generando lacerazioni in sé che, solo a tratti, si suturano in paradigmi riconoscibili di forte valenza evocativa. Cromie sempre più ardite, pulsando ininterrottamente, si autogenerano in quelle fenditure per riaffiorare poi sublimate dalle loro stesse profondità alla luce che le calàmita.

In tale processo la pittura del suono comincia a fluire nelle forme e, come linfa, va ad irrorare la pluralità fenomenica in una dialettica ritmata di voce e silenzio.

Pittura che diventa strumento estetico capace di materializzare un suono; musica che astrae l’immagine intuita e promuove l’Erlebnis del dipingere.

Andrea Petrai, Genova, novembre 2011

Serigrafia in edizione limitata 50 copie (numeri arabi), tratta dall'opera originale alberi amanti su carta d'Amalfi, cm 60 x 60 eseguito dall'autore nel 2009. Edizioni Essedi Genova 2011

Voci correlati

Torna a Giudizi Critici.

© 2007-2019 Gaetano Fiore. Tutti i diritti riservati.